Sentieri della transumanza la nuova proposta turistica [Guarda le Offerte della Pescheria]

  • di

VILLANOVA STRISAILI. “I cammini della transumanza” è il progetto che l’associazione Ogliastra eventi promuove con il contributo della Fondazione di Sardegna. Obiettivo è rivitalizzare le antiche vie pastorali, in chiave di valorizzazione turistica e culturale, in parte ancora percorse dalle greggi che dalle montagne scendono in pianura passando per valli e borghi. «In Sardegna – spiega l’associazione – i pastori di Villagrande (con la frazione di Villanova Strisaili) e di Arzana sono gli unici che ancora oggi svolgono l’antica pratica della transumanza. Con il progetto, Ogliastra eventi, che ha svolto un’intensa attività sul fronte della longevità, vuole portare a conoscenza non solo questa antica pratica, anche attraverso la voce dei protagonisti che l’hanno praticata o la praticano ancora, ma valorizzare questi sentieri a fini turistici ed escursionistici».

Nel corso dell’attivazione del progetto verranno realizzate una serie di interviste che poi costituiranno parte di una guida-racconto sulle vie della transumanza in Ogliastra con l’obiettivo di far conoscere un’antica pratica pastorale che dal punto di vista naturalistico è anche uno straordinario attrattore in grado di affascinare turisti di tutto il mondo.

«Le voci dei pastori – viene sottolineato – saranno narrate nel corso di uno spettacolo teatrale allo scopo di suggestionare il pubblico e coinvolgere in un percorso che appartiene alla Sardegna, ma fa parte di un patrimonio culturale comunem anche ad altre regioni del mondo».

La candidatura della transumanza a patrimonio culturale immateriale dell’Unesco ha riproposto un tema che è il cuore stesso del progetto dell’associazione Ogliastra eventi: «Ricollocare il mondo delle campagne della Sardegna al centro del dibattito sia culturale che politico. L’isola, del resto, è anche la prima regione del Mediterraneo in cui si pratica l’allevamento degli animali al pascolo. La transumanza è storia, tradizione, cultura, ambiente e questo progetto ha l’obiettivo di far conoscere questa pratica attraverso i sentieri del pastoralismo, valorizzando in chiave turistica, con percorsi dedicati a viaggiatori che amano la storia, la tradizione, la natura e l’ambiente incontaminato».

L’obiettivo finale è poterlo fare anche in chiave innovativa e digitale, con una serie di applicazioni per dispositivi mobili (smartphone e tablet) e strumenti per la geolocalizzazione «che consentiranno in futuro a chiunque di poter percorrere, da dentro, la storia della pastorizia e delle campagne dell’isola».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

[Guarda le Offerte della Pescheria]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *