“Natale di solidarietà” un aiuto per i bisognosi

  • di

TORTOLÌ. Il gran cuore della comunità di Tortolì emerge sempre quando si tratta di dare una mano d’aiuto a quanti stanno male. Nella giornata di domenica, a partire dalle 9 e fino alle 19, nel salone parrocchiale Sant’Andrea (anziché nel piazzale multipiano lato scuola elementare centrale in viale monsignore Virgilio a causa della pioggia), si è tenuta l’iniziativa “Natale di solidarietà”, che ha promosso una raccolta di generi alimentari e di prima necessità. L’organizzazione è stata delle tre parrocchie cittadine, Sant’Andrea, San Giuseppe e Stella Maris (della frazione di Arbatax). Vi ha aderito anche il Comune. «Papa Francesco – affermano gli organizzatori dell’importante iniziativa solidale – con l’enciclica “Fratelli tutti” ci invita a una solidarietà concreta che diventi segno di attenzione particolare verso gli ultimi che spesso sono senza volto e nascosti. Quale migliore occasione del Natale per mettere in atto questi propositi?». Ieri sera, i tre parroci di Sant’Andrea, Monte Attu, e Stella Maris, insieme ai loro collaboratori che hanno organizzato della raccolta alimentare per gli indigenti di Tortolì e della frazione di Arbatax hanno precisato: «Faremo più tardi l’inventario di tutti i generi alimentari che sono stati donati da famiglie, altre associazioni e singoli per aiutare, in questo “Natale di solidarietà”, quanti hanno grande bisogno». È stato possibile donare pasta, riso, pelati, scatolette, formaggi, insaccati, olio, latte, zucchero ma anche prodotti per l’igiene personale e per la casa. Le tre parrocchie di Tortolì-Arbatax ricordano che anche «un piccolo dono può ristorare chi, nella nostra città, si trova in difficoltà».

La speranza degli organizzatori del “Natale di solidarietà” non è andata delusa: sono stati veramente tanti ad aderire a questa importante iniziativa di solidarietà reale nei confronti del sempre maggiore numero di indigenti, anche a causa dell’emergenza epidemiologica. All’iniziativa ha preso parte anche l’associazione Anteas della Fnp-Cisl Ogliastra (sindacato di categoria dei pensionati).

«Causa pioggia – sottolinea Alessandro Serra, presidente Anteas – la raccolta è stata trasferita nel salone della parrocchia di Sant’Andrea. Nonostante il brutto tempo l’affluenza è stata grande. La partecipazione della nostra associazione della Fnp-Cisl non è mancata di sicuro. Abbiamo donato 70 pacchi di prodotti alimentari di prima necessità». Per ben quattordici anni, di cui undici consecutivi, sempre intorno al 16 dicembre, la trentina di laiche dell’Ordine francescano secolare della parrocchia Sant’Andrea hanno organizzato, per i poveri, la grande raccolta alimentare in occasione per Natale “Il pane quotidiano”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *