«Vigevano nel cuore». Ferrari al Basletta da avversario – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

VIGEVANO

Domenica l’ex capitano della Pallacanestro Vigevano Federico Ferrari sarà nella curva gialloblu per tifare. Sia la Elachem che Borgomanero. Perchè il “Mine” non è soltanto il capitano della squadra ducale che conquistò la Lega2, ma anche il padre di due giovani in campo con la maglia di Borgomanero, società della quale è dirigente. Sul parquet del Basletta ci sarà Alessandro Ferrari, ala classe 2003, messosi in luce contro Livorno e potrebbe esserci una chance per il fratello minore Francesco (classe 2005, aggregato alla prima squadra). Non solo: Matteo Airaghi, ala grande di 25 anni, figlio della compagna di Federico. Francesco è nato il 18 agosto 2005, costringendo il papà a saltare il primo giorno di raduno della rinata Vigevano. Proprio il “Mine” quell’anno, anche se c’era il rischio di non iscriversi al campionato, fu l’unico a firmare alla cieca. Rimase due anni in gialloblu, passando poi ad Asti per un biennio, per poi tornare al Basletta e vincere il campionato da capitano. In quel periodo iniziò anche ’ attività di dirigente del settore giovanile di Borgomanero, che ha prodotto il 90% dei tesserati che domenica saranno iscritti a referto.

Dietro la scrivania

«Ho cominciato a fare il dirigente per gioco – racconta – volevo dare una mano agli amici, ma dal 2007 mi sono seriamente impegnato. Quando poi mi sono infortunato a un braccio, mentre ero a Vigevano, stare dietro la scrivania è diventata la mia principale attività. L’obiettivo era far giocare i bambini di Borgomanero. Oggi abbiamo solo due senior e tanti giovani. La nostra struttura di vivaio è tra i primi cinque in Italia, abbiamo 15 giocatori che sono già professionisti, alcuni giocano in serie A».

Il debutto in B è stato di fuoco: i piemontesi hanno incontrato la corazzata Omegna e Livorno, altra squadra di primo piano, perdendo entrambe le gare. Alessandro Ferrari con i toscani ha messo a segno 20 punti, miglior realizzatore del match. Domenica con i fratelli per la prima volta calcherà il Basletta da giocatore. «Sarò in curva.- racconta ancora papà Federico – e comunque vada sarò contento. Tornare con i miei figli al Basletta è motivo di orgoglio, spero di vedere il palazzettopieno. Servirà anche ai miei ragazzi per capire cosa è il basket con le sue atmosfere, i tifosi e il calore». —

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *