Vaccinazione a domicilio per gli over 80 sardi. La richiesta degli anziani di Confartigianato Sardegna [Guarda le Offerte della Pescheria]

  • di

Gli over 80 sardi chiedono la vaccinazione a domicilio e l’attivazione della rete medici di famiglia e farmacie. “E’ urgente e necessario avviare al più presto, anche in Sardegna, la vaccinazione degli anziani ultraottantenni. Questa dovrà avvenire anche attraverso l’invio dei medici casa per casa per una massiva campagna vaccinale. Nel contempo, sarà anche necessario dare loro l’opportunità di prenotare la somministrazione attraverso la rete medici di famiglia-farmacie, non tralasciando le iniziative pubbliche”. L’appello-proposta alla Regione Sardegna arriva da Paola Montis, Presidente dell’ANAP Sardegna, l’Associazione dei pensionati artigiani di Confartigianato.

“Leggiamo, in queste ore, che gli ultraottantenni potrebbero accedere al vaccino prenotando on line la prestazione – continua la Montis – e ciò ci preoccupa non poco perché la maggior parte degli anziani di questa fascia di età è poco avvezza all’utilizzo degli strumenti informatici e sono tanti quelli con importanti patologie che hanno necessità del supporto umano”. Secondo i dati forniti dall’Istat, gli anziani con 80 anni ed oltre, in Sardegna, sono oltre 112mila e rappresentano il 7% della popolazione totale.

“E’ necessario, per questo, fare uno sforzo straordinario per mettere in campo tutte le forze umane disponibili nell’Isola e proporre la più estesa gamma di strumenti, opportunità e iniziative affinché ogni singolo over 80 possa essere messo nelle condizioni di proteggersi – sottolinea la Montis – quindi auspichiamo che le prenotazioni possano avvenire in primis attraverso la rete medici di famiglia e farmacie, senza escludere il supporto degli uffici postali e comunali, delle caserme con il personale dell’Esercito, delle Forze dell’Ordine e della Protezione Civile, o di apposite postazioni mobili con il sostegno del personale sanitario e delle Associazioni di Volontariato, non trascurando i più comuni sistemi informatici o i numeri verdi dedicati”.

“Non dimentichiamo che sono proprio gli anziani ad avere pagato il prezzo più alto in questa pandemia – rimarca la Presidente dell’ANAP Sardegna – pensiamo solo al fatto che molti sono da mesi in lockdown volontario, per paura di contrarre il virus, così facendo rischiano di non ricevere le giuste cure per le malattie di cui soffrono o di non accedere agli strumenti per un’efficace prevenzione”. Secondo la Presidente dei Pensionati di Confartigianato Sardegna, è importante pianificare la campagna vaccinale, tenendo conto che gli over 80 vanno contattati direttamente. “Deve essere spiegata loro l’importanza del vaccino e devono essere fissati al più presto gli appuntamenti per la somministrazione – precisa – per gli anziani è necessaria un’attenzione particolare, soprattutto in questi mesi nei quali l’isolamento ha portato conseguenze drammatiche, come la depressione e dunque il rischio che molti non siano più in grado di prendersi cura di loro stessi”.

Il problema, quindi, non va affrontato solo dal punto di vista strettamente medico, ma anche sociale: “Il medico di famiglia è il primo alleato degli anziani soli – conclude Paola Montis – la sua capacità di monitorare la situazione è certamente strategica, in particolare in questo momento. Comprendiamo la difficile situazione dell’intero sistema sanitario, ma dobbiamo ricordare che oggi serve un’attenzione supplementare alla terza età. Pensiamo subito agli over 80, ma non dimentichiamo che, subito dopo, dobbiamo affrontare la pianificazione vaccinale degli over 65”.

L’articolo Vaccinazione a domicilio per gli over 80 sardi. La richiesta degli anziani di Confartigianato Sardegna proviene da ogliastra.vistanet.it.

[Guarda le Offerte della Pescheria]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *