Un anno fa la prima vittima: il sacerdote Pietro Muggianu – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. Un anno fa il Covid-19 faceva la sua prima vittima in provincia di Nuoro: don Pietro Muggianu. Il sacerdote originario di Orgosolo, classe 1936 e canonico onorario del capitolo della Cattedrale, aveva trascorso le ultime settimane di vita ricoverato all’ospedale civile di Sassari nel reparto di terapia intensiva, dopo aver contratto il virus insieme con don Giovanni Melis, l’altro sacerdote nuorese poi deceduto poche settimane più tardi.

A distanza di un anno, resta grande il cordoglio della città e di tutto il Nuorese per la scomparsa di don Pietro Muggianu molto conosciuto anche negli ambienti laici per la sua attività di professore al liceo scientifico, oltre che per i suoi numerosi incarichi come parroco e in curia, non ultimo il ruolo di cappellano di Santa Maria Maddalena a Lollove, l’antico borgo poco distante dalla città.

A ricordarlo a un anno di distanza dalla sua scomparsa sono proprio i colleghi del liceo scientifico Enrico Fermi di Nuoro: «Ha lasciato un bellissimo ricordo in tutti noi, a partire dagli alunni fino a noi colleghi – dice l’ex preside dell’istituto Angela Cerina –. Una persona buona con un’umanità disarmante. Era attento ai problemi dei giovani e all’attualità. Diverse le esperienze nel consiglio di presidenza, è stato il mio miglior consigliere, leale, prudente e sempre capace di lasciare a tutti buoni consigli. Anche successivamente abbiamo tenuto ottimi rapporti e diverse sono state le esperienze vissute insieme sul piano umano ma anche dal punto di vista intellettuale, una persona inserita appieno nei meccanismi della comunità e ben voluto da tutti».

Proprio nella serata di ieri la diocesi di Nuoro ha ricordato don Pietro Muggianu con una messa celebrata da don Francesco Mariani.

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *