Tortolì, alla scoperta delle incisioni antropomorfe che si trovano al Lido di Orrì – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

Sarebbe stato un pescatore locale a far conoscere i petroglifi nella zona del Lido di Orrì a Tortolì. La segnalazione risalirebbe al Maggio del 1986.

Le incisioni antropomorfe raffigurano una coppia di figure umane, un uomo e una donna stilizzati, rappresentati in piedi, in posizione eretta o di danza. Si ipotizza sia stato immortalato nella pietra un rito sacro o propiziatorio, in cui il cerchio in alto tra i due personaggi rappresenterebbe un simbolo di unione o qualche divinità.

I petroglifi occupano una superficie di 40 x 30 cm. circa, la realizzazione accurata con asse ortogonale alle superfici, con contorno netto e segno continuo. Le figure umane, alte 22 cm e larghe 12 cm, distanti tra loro 12 cm, si presentano con incisioni profonde da 0,1 a 0,4 cm, in alcuni punti sono scomparse a causa dell’azione erosiva del mare. Il personaggio maschile, il cui corpo è realizzato con un’unica incisione che parte dalla testa e arriva al sesso, presenta gli arti superiori orizzontali mentre quelli inferiori si presentano arcuati. Il personaggio femminile invece è ottenuto con un’incisione più sottile, si presenta con la testa tornita, gli arti superiori verticali fino al busto, nel quale è raffigurato il seno. Anche in questo, gli arti inferiori sono arcuati, e il sesso è realizzato con un piccolo solco.

Queste antiche incisioni, che vengono fatte risalire all’eneolitico, (periodo finale del neolitico, il passaggio tra la fine del terzo e il secondo millennio a.c.), sono uniche rispetto alle altre rinvenute in Sardegna. In primis perché la scena rappresentata è composta da sole due figure, al contrario delle altre incisioni conosciute, che presentano molti personaggi asessuati o maschili. Un esempio i petroglifi della Grotta del Bue Marino a Dorgali, sempre nella costa orientale sarda, che comprendono venti figure antropomorfe maschili, disposte quasi tutte in gruppo, una cavità emisferica e due cerchi con all’interno delle coppelle.

In altre parti della Sardegna figure analoghe si trovano in domus de janas a Oniferi ed Anela (anche se capovolte), nelle statue menhirs di Monte d’Accoddi a Sassari, a Laconi e Nurallao, ed in un peso di telaio di Conca Illonis-Cabras nell’oristanese. Lo stato di conservazione delle raffigurazioni di Orrì è buono, e questo fatto porta a stabilire che, ai tempi della sua incisione, la linea della spiaggia fosse molto più avanzata rispetto all’attuale. Sono tanti nella zona gli insediamenti e i manufatti neolitici: da un menhir a poche centinaia di metri dai petroglifi, alle domus de janas, le tombe dei giganti e altri menhir tra San Salvatore, Monte Terli e S’Ortali ‘e Su Monti. Un patrimonio che molti ogliastrini stessi non conoscono, e che sono solo una piccola parte dei tesori di Tortolì.

dav

dav

 

L’articolo Tortolì, alla scoperta delle incisioni antropomorfe che si trovano al Lido di Orrì proviene da ogliastra.vistanet.it.

Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *