Tepilora e Sinis, patto di cooperazione – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

POSADA. È stato finanziato con 130mila euro il programma di cooperazione Sinis -Tepilora Experience, un progetto pensato con l’intento di migliorare la qualità della vita delle comunità che ricadono all’interno dei territori compresi dai Gal Sinis e Nuorese-Baronia. Lo scopo è di puntare alla salvaguardia e promozione del ricchissimo patrimonio naturale e culturale, con la creazione di una rete strategica tra costa e aree interne e sperimentare un modello di collaborazione volto a delineare un’offerta integrata del territorio, che prevede il coinvolgimento degli operatori economici e sociali delle due zone della Sardegna. Protagonisti del progetto sono il Gal Sinis, che è anche capofila del progetto che coinvolge il Gal Nuorese-Baronia, l’Area Marina protetta “Penisola del Sinis-Isola di Mal di Ventre” e il Parco naturale regionale di Tepilora. Il progetto ha ottenuto i finanziamenti relativi alla sottomisura 19.3.1 per avviare il percorso di candidatura per il conseguimento della Carta europea per il turismo sostenibile (Cets) per uno sviluppo sostenibile in tutto il territorio delle aree protette di rilevanza strategica individuate dal POR Fesr Sardegna 2014/2020, a cui sono poi seguiti gli accordi di programma tra l’assessorato alla Programmazione e istituzioni locali del territorio dei Comuni dell’Area Marina protetta Penisola del Sinis-Isola del Mal di Ventre e del territorio dei Comuni del Parco regionale di Tepilora, per i rispettivi Progetti di Sviluppo Territoriale. Si punta all’individuazione di itinerari tematici nelle aree protette, e ad e un’azione di marketing territoriale e campagna di comunicazione dedicata.

Un’altra buona notizia quindi per il parco regionale di Tepilora che da alcuni giorni è guidato dalla direttrice Marianna Mossa, originaria di Osidda e funzionaria da circa vent’anni dell’assessorato regionale all’Ambiente, che ha seguito in prima persona tutte le fasi di avvio del Parco. Un’ esperienza nei più importanti progetti regionali su aree marine protette, parchi e oasi ambientali che ha spinto l’assemblea del Parco a riconoscerle la piena idoneità al ruolo.

Con il completamento dei ranghi il Parco potrà ora proseguire a pieni giri l’iter dei numerosi progetti pronti in cantiere che consentiranno di eseguire importanti opere in tutti e quattro i comuni baroniesi coinvolti.

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *