Speciale Elezioni. Triei, intervista alla candidata sindaca Anna Assunta Chironi – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

Anna Assunta Chironi, 51 anni, laureata in Giurisprudenza. È sposata ed è madre di un ragazzo di 14 anni e una bambina di 10. La sua grande passione sono i libri e la lettura, ma ha sempre poco tempo a causa degli impegni.

Conosciamola meglio.

 

 

 

Partiamo dalla sua scelta di scendere in campo e ricandidarsi. Che cosa pensa di poter offrire alla sua comunità, nel caso in cui venisse rieletta Sindaca.

Il mandato ormai concluso è stato molto impegnativo tra mille difficoltà e una pandemia di mezzo, ma questo non mi ha scoraggiata. Sono sempre stata disponibile e ho lavorato nell’interesse della comunità. Ora metto a disposizione la mia esperienza acquisita rafforzando e arricchendo di nuovi contenuti il progetto iniziale.

Se dovesse vincere le elezioni quale sarà la priorità nella sua agenda politica?

Penso sia prioritario mettere in campo strategie per uno sviluppo economico e sociale che tuteli il patrimonio ambientale, culturale e identitario di Triei, promuovendo la collaborazione tra istituzioni, imprenditori locali e popolazione residente.

Qual è la vocazione di Triei? In cosa consisterà la sua azione amministrativa per sviluppare questo strategico settore? Ha dei progetti?

Triei in questi ultimi anni è sempre più apprezzato per il suo territorio, per il suo decoro urbano e per la sua tradizione enogastronomica. Dobbiamo far conoscere ancora di più il nostro territorio e migliorare ciò che abbiamo. Strategico è favorire lo sviluppo delle produzioni locali, riprendere la produzioni di quei prodotti tipici e cercare di trovare nella loro qualità pregiata lo spazio nei mercati di nicchia di oggi.

Piccole produzioni ma caratterizzate dalla specificità, rappresentativa della storia e della cultura del nostro territorio. Tutto questo può e deve essere legato al recupero, ormai concluso, dell’antico borgo originario di Triei, Serra ‘e Pinna, che incrementerà la ricettività e la sua gestione auspichiamo faccia da volano attorno al quale svilupparsi le ulteriori imprese .

I dati sull’emigrazione dalla Sardegna sono drammatici. Anche l’Ogliastra e Triei non sono immuni da questo problema, quali politiche intende adottare per cercare di porre un freno a questa fuga – specialmente di giovani -?

Il fenomeno dello spopolamento è un problema reale, in particolare modo per i piccoli centri. È evidente che non ci possono essere soluzioni semplicistiche per un problema così articolato, occorrono politiche in grado di valorizzare le comunità incidendo sui servizi come scuola, sanità, trasporti. E poi, naturalmente, occorre creare presupposti per favorire l’occupazione.

Dal canto nostro, abbiamo cercato di operare in questa direzione. A tal fine abbiamo provveduto a riqualificare le strutture comunali perché fossero destinate a nuovi utilizzi, assegnandole a chi volesse fare impresa. Proprio in ragione di ciò, alcuni giovani, da tempo emigrati all’estero , hanno scelto di partecipare a un nostro bando e si sono aggiudicati una struttura comunale nella quale daranno vita ad una nuova iniziativa economica a Triei. Registriamo, dunque, un importante inversione di tendenza che ci fa ben sperare per il futuro e che ci indica che forse stiamo percorrendo la strada giusta.

Pianificazione territoriale: quali saranno gli interventi che apporterete per migliorare il territorio? Ci può illustrare le opere e lavori urbanistici che propone di portare avanti con la sua lista?

Nella pianificazione territoriale un ruolo primario è dato dalla gestione dei terreni soggetti a uso civico. Un primo passo avanti nella loro gestione è stata l’approvazione del piano di valorizzazione degli stessi e il regolamento. Ci proponiamo di intervenire in aree, incolte o inutilizzate, al fine di favorire l’avvio di imprese agricole di dimensioni significative. Auspichiamo che in tal modo l’attività agricola, nel nostro territorio, possa avviarsi a uno sviluppo moderno anche in termini di competitività commerciale. Ne consegue che una cura sempre maggiore sarà data al territorio, alla sua manutenzione e valorizzazione.

Punto di prestigio nell’attività amministrativa di questi ultimi anni è quella di aver dato al paese una qualificazione e un decoro urbano di assoluto rilievo riconosciuto e apprezzato ovunque. Prevediamo di realizzare altri interventi importanti che riguarderanno l’abitato, riqualificando alcune aree per far sì che Triei sia ancora di più un luogo accogliente, il “posto ideale” in cui vivere.

Conosciamo le problematiche che sta attraversando la Sanità ogliastrina. Il suo pensiero in merito? A livello comunale cosa propone per i servizi sanitari?

La situazione in cui versa la Sanità Ogliastrina è drammatica. In questi anni stiamo assistendo al suo smantellamento sia a livello territoriale che del presidio ospedaliero. Non è servito a niente urlare. Nessuno ci ascolta. Mille promesse ma nessuna mantenuta. È sconfortante che il diritto inviolabile delle persone quale è la salute venga calpestato dalla logica dei numeri. È sconfortante ma non ci arrendiamo.

Il suo punto di vista sull’emergenza COVID-19, la campagna di vaccinazione e il “green pass”

L’emergenza sanitaria ci ha costretto a rivedere, come ente, i nostri programmi, a rimodulare gli interventi, a ridefinire le nostre priorità nella gestione della “res pubblica”. Siamo stati coinvolti nelle attività necessarie a dare attuazione alle misure anti-contagio. Abbiamo cercato di avere un ruolo attivo volendo, o meglio cercando di essere un punto di riferimento costante, nei momenti più critici, per i cittadini.

Importante è stata la promozione e l’attuazione della campagna vaccinale che abbiamo fortemente voluto e che si è svolta nell’abitato per favorire le categorie più fragili e svantaggiate. La pandemia è stata e continua ad essere un banco di prova importante.

L’importanza delle Associazioni. Quale sarà il rapporto tra Comune e queste realtà territoriali? Quali azioni amministrative porterete avanti per incentivare e rilanciare lo sport? Sulle esigenze del mondo giovanile?

Le associazioni a Triei hanno sempre svolto un ruolo fondamentale di coesione e punto di riferimento nella comunità soprattutto per i più giovani ma non solo. Varie sono le associazione, sempre supportate dall’amministrazione, sorte in campo musicale, culturale e sportivo e caratterizzate da una rapporto con quest’ultima di collaborazione, dialogo e confronto che ha dato ottimi risultati.

Triei vanta una tradizione sportiva più che quarantennale. Abbiano un bellissimo impianto sportivo gestito dalla Polisportiva locale, particolare attenzione viene prestata al settore giovanile e si incentiva la pratica di altri sport oltre il calcio. Forti di questa bella realtà si è pensato al completamento del polo sportivo con la costruzione di una palestra. La fase progettuale è conclusa, a breve la gara per l’affidamento dei lavori.

Chiudiamo con un’ultima domanda. La corsa elettorale sarà contro il quorum, i suoi cittadini sosterranno la sua proposta politica?

Lo spero. Sono fiduciosa.

 

 

 

 

 

 

 

 

L’articolo Speciale Elezioni. Triei, intervista alla candidata sindaca Anna Assunta Chironi proviene da ogliastra.vistanet.it.

Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *