“Sardi e Sicuri”. Tamponi usati in Ogliastra, la ditta: “Non sono gli stessi banditi in Francia”

  • di

In merito alle notizie circolate in questi giorni sui test usati in Ogliastra banditi dal Ministero della Salute francese, la Direzione di ARES-ATS Sardegna smentisce quanto scritto e precisa che i dispositivi usati in questi giorni per lo screening di massa nei comuni dell’Ogliastra non sono gli stessi dispositivi citati dall’articolo in questione.

“Relativamente ai test rapidi per la ricerca qualitativa dell’Antigene specifico del virus SARS-COV-2 – scrive in una nota l’Azienda fornitrice dei test – non abbiamo fornito alcun prodotto VivaDiag a lettura ottica. Il prodotto a voi fornito è JOYSBIO Test antigene SARS-COV-2 Antigen Rapid Test Kit”.

La notizia circolata in questi giorni risulta quindi completamente falsa e fuorviante. “Riteniamo che l’informazione corretta sia fondamentale, soprattutto in un momento così delicato – afferma il commissario straordinario di ARES ATS Massimo Temussi -. Fake news e notizie fuorvianti creano solo allarmismo e scetticismo tra i cittadini, rischiando di compromettere il lavoro che si sta facendo sui territori in un momento in cui non possiamo abbassare la guardia nei confronti della pandemia”.

“Il trial in Ogliastra è stato un grande successo, con l’80-82 % di adesione della popolazione target – aggiunge il professor Andrea Crisanti, microbiologo e ordinario dell’Università degli Studi di Padova e coordinatore della campagna Sardi e Sicuri -. I due campionamenti hanno permesso di identificare un importante numero di positivi, inconsapevoli di esserlo, e che avrebbero, a loro volta, alimentato la catena dei contagi”. Tutte le persone che hanno aderito allo studio sono state testate a distanza di una settimana con due metodiche diverse: ogni persona risultata positiva è stata sottoposta successivamente a tampone molecolare insieme a tutti i contatti stretti. “A questa prima fase farà seguito una terza attività, con lo scopo di trasferire conoscenze tecniche e incrementare la capacità locale di eseguire tamponi molecolari.

Spiega Crisanti: L’obiettivo è quello di raggiungere la sostenibilità locale e il controllo delle trasmissioni. Vogliamo ringraziare tutta la popolazione e le autorità locali che in Ogliastra hanno dato un contributo fondamentale alla attività di comunicazione”.

Non appena sarà conclusa l’analisi dei dati in dettaglio dello screening di massa, gli stessi saranno comunicati nel corso di una conferenza stampa.

Ecco una scatola della fornitura dei dispositivi antigenici usati nella campagna “Sardi e Sicuri”:

 

 

L’articolo “Sardi e Sicuri”. Tamponi usati in Ogliastra, la ditta: “Non sono gli stessi banditi in Francia” proviene da ogliastra.vistanet.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *