Sardegna, la triste vicenda di Pongo e Margot: avvelenati con lumachicida – Pescheria di via Tirso, Tortolì

  • di

Uccisi con la metaldeide, un pericoloso veleno utilizzato come lumachicida. Ecco come sono morti Margot e Pongo, due cani che vivevano con la loro famiglia a Selargius.

A rendere nota la notizia sono stati i loro padroni, segnalando l’accaduto nel gruppo Facebook “Selargius”. Ecco cosa aggiunge distrutto dal dolore Gianluca Armeni, proprietario di Pongo: “Il nostro cane era un setter inglese di 8 anni. Un anno e mezzo fa avevano già tentato di ucciderlo con lo stesso sistema del lumachicida in giardino ma siamo riusciti a salvarlo portandolo in clinica. Insieme a lui avevano avvelenato altri due cani. In questi giorni oltre al mio hanno avvelenato anche quello del vicino”.

Gli avvelenamenti sono avvenuti in zona Borgata Santa Lucia ma sono stati segnalati casi sospetti anche a Cagliari, quartiere San Benedetto.

Ma ecco cosa comporta l’ingestione di metaldeide, il comune veleno per lumache e lucertole, che comporta una grave intossicazione. L’ingestione di poche gocce per via orale oppure di acqua di scolo contaminata possono essere letali. Anche l’assunzione di lumache o lucertole avvelenate può essere gravemente dannoso sia per il cane che per il gatto.

I primi sintomi sono il vomito (in genere di schiuma bluastra/azzurra/violacea) e le crisi convulsive che insorgono a distanza di minuti o ore dall’ingestione. Il cane viene in genere trovato dal proprietario con schiuma alla bocca, disteso su un fianco; possono essere presenti forti tremori muscolari, fauci serrate e movimenti involontari di ‘‘pedalamento’’. Talvolta si ha perdita di coscienza.

Quando si riscontrano tali sintomi il paziente deve essere trasportato immediatamente in pronto soccorso. Il paziente avvelenato è a serio rischio di vita, soprattutto nelle prime ore dall’ingestione, quindi l’intervento deve essere repentino. La possibilità o meno di salvarsi dipende dalla quantità di veleno assunto, dall’età del soggetto, dal suo stato di salute e dal tempo trascorso tra l’assunzione e le prime cure. Nel caso si veda il proprio animale assumere tali sostanze o un veleno in generale è necessario tentare di farlo vomitare immediatamente (far bere acqua e sale; oppure acqua ossigenata) e recarsi subito al pronto soccorso.

L’articolo Sardegna, la triste vicenda di Pongo e Margot: avvelenati con lumachicida proviene da ogliastra.vistanet.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *