Roma premia Su Grabiolu formaggio senza lattosio – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

FONNI. Il pecorino Su Grabiolu senza lattosio, dei fonnesi Giovanni Busia e Michelina Mulas, si è classificato primo al Premio Roma nella sezione nazionale e internazionale, categoria “Formaggi innovativi per tecnologia di produzione, ingredienti, funzionalità”. «Un premio inaspettato – commenta con orgoglio Giovanni Busia – che ci ha quasi colti di sorpresa, a uno dei concorsi più importanti in Italia, e al quale abbiamo partecipato senza avere grandi aspettative proprio perché è una competizione molto partecipata. Ovviamente è un premio che ci rende orgogliosi, e premia la sfida intrapresa dalla nostra azienda nove anni fa quando abbiamo investito e scommesso su un nuovo prodotto: un pecorino senza lattosio che mantenesse intatto il gusto e andasse incontro alle esigenze alimentari di chi è intollerante a questa proteina. Grazie alle moderne tecnologie di lavorazione possiamo garantire questa caratteristica, e ora vendiamo il formaggio su tutti i canali possibili: dalla grande distribuzione, alla vendita online, oltre alla vendita in azienda. È un prodotto molto richiesto».

La cerimonia di premiazione si è tenuta il 18 marzo scorso, ovviamente in modalità videoconferenza, per la gara che oltre ai formaggi premia anche i migliori pani e prodotti da forno tradizionali. Giunto alla diciassettesima edizione, quest’anno sono state 107 le aziende partecipanti. Il premio organizzato dalla Azienda speciale Agro Camera in collaborazione con Arsial e Unioncamere Lazio quest’anno ha visto sfidarsi 30 imprese del Lazio con una netta prevalenza numerica delle romane e 34 imprese partecipanti dal resto d’Italia ripartite tra 12 regioni (principalmente Sardegna, Campania e Piemonte); buona anche la partecipazione delle imprese estere, con 43 iscrizioni provenienti dalla Spagna, dall’Austria, dal Belgio, dai Paesi Bassi e dal Portogallo. La giuria, composta da nove assaggiatori esperti, ha esaminato complessivamente oltre 230 campioni di formaggio di cui 75 iscritti alla sezione Roma e dal Lazio e 155 iscritti a quella nazionale e internazionale. «La pandemia – spiega il presidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti in una nota – nella sua immane tragedia, ci ha anche insegnato quanto è essenziale il cibo salutare per la qualità della vita. È stato un periodo di riscoperta, e dobbiamo conservare questo insegnamento. I due premi per i migliori pani e i migliori formaggi, costituiscono due strumenti importanti per selezionare e comunicare la qualità eccellente delle imprese». Nella stessa categoria, terza posizione è andata a Argiolas Formaggi con il formaggio “Kenza Senza Lattosio”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *