Paura nella notte, bruciate tre auto

  • di

BUDONI. È quasi certamente un attentato incendiario quello che la notte scorsa ha distrutto tre autovetture parcheggiate nel piazzale esterno del “Pit stop Scanu”, autocarrozzeria, gommista, centro revisioni e noleggio alla periferia ovest del paese. Il rogo scaturito all’improvviso per cause che stanno cercando di accertare i carabinieri della stazione di Budoni, si è sviluppato poco prima delle 23 ed ha coinvolto i mezzi che si trovavano a poca distanza dal locale che si affaccia su via Roma, a qualche centinaio di metri dal palazzo comunale lungo la strada che porta dal centro del paese alla frazione di Luttuni. Ad accorgersi dell’incendio e della densa coltre di fumo che ha avvolto la zona, è stato un vicino di casa che ha immediatamente avvisato i vigili del fuoco e le forze dell’ordine.

I pompieri giunti dalla caserma della zona industriale di Siniscola hanno si sono messi subito all’opera, domando il rogo e bonificando la zona. Assieme ai carabinieri arrivati sul posto dalla stazione di Torpè che si trovavano nei paraggi per un servizio di controllo del territorio, hanno poi cercato tra le lamiere fumanti qualche traccia che potesse far pensare ad un attentato. L’ipotesi più probabile, al momento.

Ricerche che sinora, tuttavia, non hanno permesso di ritrovare nessun innesco o tracce di liquido infiammabile anche se tutto potrebbe essere bruciato assieme alle auto. Gli inquirenti stanno vagliando i filmati registrati dalle numerose telecamere sparse per il paese, considerato anche che l’episodio è avvenuto dopo le ventidue in un ora in cui sono poche le persone a potersi spostare liberamente e non escludono nessuna ipotesi.

Nell’autocarrozzeria della famiglia Scanu, aperta tanti anni orsono dal 62enne Mario Scanu, azienda che si occupa anche di soccorso stradale, oltre che della riparazione di pneumatici e del noleggio di auto, vi lavorano anche i figli Antonello, attuale allenatore del Budoni calcio (in Eccellenza), e il fratello Stefano. I proprietari che abitano nei pressi dell’attività sono stati tra i primi a giungere sul posto sono stati sentiti dai carabinieri ed hanno dichiarato di non avere nemici e di non sapersi capacitare di un eventuale atto doloso nei loro confronti. I danni comunque coperti da assicurazione, sono di alcune decine di migliaia di euro. Nelle fiamme sono infatti andate completamente bruciate tre auto, una Peugeot che veniva noleggiata ai vacanzieri soprattutto in estate, una Volkswagen Polo di proprietà di un cliente dell’officina che l’aveva lasciata nel piazzale per problemi al motore e una lancia Delta appartenete ai proprietari dell’azienda.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *