Ospedale pediatrico Gaslini, resta in coma la bimba sarda quasi soffocata con sacchetto di plastica – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

Resta in coma la bambina di cinque mesi ricoverata dal 6 giugno nell’ospedale pediatrico Gaslini di Genova, dopo aver rischiato di restare soffocata da un sacchetto di plastica, nel suo lettino, nel campo nomadi di Piandanna, alla periferia di Sassari. La mamma, che si era allontanata pochi minuti dalla piccola per svolgere delle faccende domestiche, aveva trovato la figlioletta priva di sensi fra le lenzuola, con una busta di plastica sulla testa, e aveva chiamato immediatamente i soccorsi.

Come riporta l’Ansa, la bimba era stata prima trasportata dal 118 nel reparto di Rianimazione del Santissima Annunziata di Sassari, e poi trasferita a Genova con un volo speciale dell’Aeronautica militare attivato dalla Prefettura sassarese.

Secondo le prime indagini svolte dai carabinieri del Nas di Sassari su delega del pm Paolo Piras, potrebbe trattarsi di un incidente domestico causato per gioco da uno dei fratellini della bambina. Intanto domani il presidente del Tribunale dei minorenni di Sassari, Giudo Vecchione, deciderà se accogliere la richiesta di sospensione della responsabilità genitoriale a padre e madre della piccola, avanzata dalla procuratrice minorile Luisella Fenu.
A trovare la bimba riversa nel suo lettino è stata la madre, che avrebbe tentato di rianimarla prima di attivare i soccorsi. Trasportata al pronto soccorso pediatrico dell’Aou di Sassari, la piccola è stata trasferita a Genova. I genitori sono intanto finiti sotto inchiesta.

L’articolo Ospedale pediatrico Gaslini, resta in coma la bimba sarda quasi soffocata con sacchetto di plastica proviene da ogliastra.vistanet.it.

Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *