Nuoro, al liceo Satta sabato nuovo sciopero degli studenti – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. Nuova giornata di sciopero, la quarta consecutiva, per gli studenti del liceo delle Scienze Umane e Musicale «Sebastiano Satta» di Nuoro contro le regole stringenti e i divieti imposti dalla preside: niente piercing, nè unghie lunghe nè ricreazione, ritiro dei cellulari prima delle lezioni, un solo spostamento per classe verso i distributori di bibite e alimenti. I 400 tra ragazzi e ragazze non torneranno in classe nemmeno domani e per sabato annunciano una manifestazione di protesta, già autorizzata dalla Questura, davanti al liceo, in via Deffenu.

«Non ci fermeremo fino a quando la dirigente non ci mette nero su bianco alcune correzioni ai regolamenti», ribadiscono gli studenti, che oggi insieme alla preside Carla Rita Marchetti hanno incontrato l’amministratore straordinario della Provincia di Nuoro, Costantino Tidu, per sollecitare alcuni lavori nella sede centrale dell’istituto e nella succursale di via Foscolo.

«I problemi che poniamo sono parecchi – spiega Emilian Albu, 19 anni, componente della delegazione che sta trattando – Diciamo no alle note disciplinari per i piercing e le unghie lunghe all’ora di educazione fisica, in quel caso basta far saltare la lezione agli interessati; diciamo no alle uscite una sola volta e con un unico compagno per classe ai distributori di bibite e cibo, alla ricreazione saltata in nome di dieci minuti di pausa ogni ora. Mentre sui telefoni cellulari da consegnare all’inizio della lezione, ci diano la possibilità di tenerli spenti sul banco».

Il ragazzo precisa che tutti «hanno capito l’importanza delle norme sanitarie e di sicurezza ma rispondiamo che sono interpretate in maniera troppo rigida e che si possono trovare delle vie di mezzo». Quanto alle carenze strutturali delle due sedi del liceo, Emilian racconta: «In via Deffenu abbiamo la muffa in alcune classi, mentre nella succursale i bagni sono insufficienti. In Provincia ci hanno spiegato che stanno aspettando l’intervento dei tecnici di Abbanoa per attivare una tubazione esterna che alimenti i servizi. Sono mesi che sollecitiamo, ma non si è mosso nulla». Oggi la preside ha avuto anche un confronto con i rappresentanti dei geniori: l’auspicio è che si torni a un dialogo sereno tra le parti cercando una soluzione condivisa. (ANSA).

 

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.