Mirko ucciso, catena umana dei compagni dall’alberghiero fino a casa sua: Tortolì si ribella alla violenza – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

TORTOLI’. I compagni di scuola di Mirko Farci, questa mattina 14 maggio, hanno fatto una catena umana dall’istituto Ianas alla casa dove il ragazzo è stato ucciso. In silenzio e distanziati, si sono disposti lungo il viale monsignor Virgilio.

Ognuno aveva al collo un cartello con l’hashtag “codice rosso” per chiedere maggiori tutele nei confronti delle donne che denunciano violenze.

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *