Milioni di euro destinati ai Consorzi industriali

  • di

TORTOLÌ. Realizzazione di infrastrutture negli agglomerati industriali: la giunta regionale ha destinato 12 milioni di euro per il triennio 2020-2022 (2 milioni per il 2020 e 5 milioni per ciascuno degli anni 2021 e 2022) a favore di sei Consorzi industriali provinciali che gestiscono le aree industriali con dimensione sovracomunale.

Al Consorzio dell’Ogliastra, con sede a Tortolì, vanno 841mila euro. Ma la situazione in cui versa l’ente territoriale, senza presidente da sei mesi e mezzo, e senza consiglio di amministrazione (gli altri due membri si sono dimessi a fine settembre e il 9 ottobre) è veramente drammatica. Per la carica di commissario si continua a parlare dell’imprenditore locale Franco Ammendola, che a inizio millennio ha presieduto per sei anni lo stesso Consorzio industriale.

Da tanti mesi si parla di una situazione debitoria molto pesante, pari a molti milioni. Fra l’altro. Il Consorzio industriale provinciale dell’Ogliastra è anche socio unico dell’AliArbatax spa in liquidazione, proprietaria dell’aeroporto locale, chiuso ininterrottamente da nove anni e due mesi.

Il presidente del collegio dei revisori dei conti, il commercialista Maurizio Pisu, è riuscito a pagare la mensilità del mese in corso alla dozzina di dipendenti, ma il futuro è a tinte oltremodo fosche.

Proprio ieri, lo stesso collegio dei revisori dei conti ha inviato una lunga nota al Tribunale di Lanusei, al prefetto di Nuoro, alla Regione, alla Corte dei conti, e ai due soci dell’ente territoriale (la Provincia di Nuoro e il Comune di Tortolì-Arbatax, entrambi al 50 per cento), con la quale si spiega la drammatica situazione esistente oramai da tanti mesi. Si spera possa giungere una reale risposta in tempi brevissimi.

Dal 17 novembre si attende anche una riposta della giunta regionale sulla richiesta di un incontro urgente.

La Provincia di Nuoro, non ha firmato tale richiesta di incontro urgente con il presidente Christian Solinas e gli assessori regionali competenti (al Lavoro, Ambiente e Industria) per chiedere di “smuovere le acque” rispetto alle indicazioni politiche per le nomine dei tre componenti del consiglio di amministrazione del Consorzio. La richiesta è stata inviata dal presidente del collegio dei revisori dei conti dell’ente consortile, il commercialista Maurizio Pisu, e dal sindaco del Comune di Tortolì-Arbatax, M;assimo Cannas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *