Mercato nero del gasolio, sei persone rinviate a giudizio – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. Rinvio a giudizio per sei persone accusate di una “frode” per utilizzo illecito di gasolio agricolo. Ieri mattina il giudice Giorgio Cannas ha rinviato a giudizio Giulio Raffaele Calvisi (difeso dall’avvocato Pietro Sanna), Valentino Mattana e Giovanni Luigi Deiana (difesi dall’avvocato Francesco Stara), Francesco Piredda difeso dall’avvocato Francesco Mossa, Salvatore Fois difeso dall’avvocato Gianluigi Mastio e Giovanni Antonio Sole difeso dall’avvocato Giuseppe Floris. Secondo l’accusa (pm Andrea Ghironi) i sei imputati erano riusciti ad evadere imposte per circa 15mila euro recuperate a tassazione. Stando all’inchiesta portata avanti dalla Guardia di finanza tra 2014 e il 2015, che aveva visto impegnati anche l’Agenzia delle dogane e dei Monopoli di Cagliari, era stato individuato un deposito commerciale di carburanti, operante in provincia di Nuoro, che effettuava forniture di prodotto agevolato a destinatari ignari e fittizi, falsamente autorizzati alla ricezione di gasolio agricolo, i quali tuttavia, sostenevano di non aver effettuato alcun ordine. L’operazione era stata originata dall’incrocio di informazioni provenienti da diverse banche dati. Secondo l’accusa si trattava di un vero e proprio mercato in nero del carburante destinato alle attività agricole regolarmente autorizzate. I sei imputati che hanno scelto di essere giudicati con rito ordinario, compariranno davanti al tribunale monocratico il prossimo 30 giugno. (k.s.)

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *