Lite per un marciapiede avvocato denunciato

SINISCOLA. Si arricchisce di un nuovo capitolo la storia per la realizzazione dei nuovi marciapiedi di via Matteotti. Ieri mattina dopo che l’impresa appaltatrice dei lavori ha ripreso l’attività dopo un periodo di stop a causa del lungo contenzioso tra uno dei proprietari e l’amministrazione comunale, c’è stata l’occupazione passiva dei terreni da parte dell’avvocato Claudio Conteddu e di sua moglie che rivendicano la titolarità di circa 100 metri quadri di suolo prospicienti il proprio bar tabacchi. Occupazione che è poi rientrata, ma si è conclusa con una serie di denunce incrociate. Conteddu è stato segnalato dai carabinieri della compagnia baroniese all’autorità giudiziaria per violenza privata per essersi opposto ai lavori, mentre lo stesso legale, tutelato dagli avvocati Rinaldo Lai, Antonello Cau e Annarita Pais, ha presentato a sua volta un esposto con la sua versione dei fatti e chiedendo ancora una volta che si accerti se i lavori che il Comune intende realizzare incidano su un’area di proprietà pubblica o privata. «A quanto mi risulta – dice Claudio Conteddu – lo scorso 21 ottobre l’Ufficio del territorio di Nuoro che fa capo all’Agenzia delle Entrate, ha fatto presente all’ufficio tecnico del Comune che quella da me rivendicata è un area privata. Inoltre – prosegue – nessuno mi ha nel frattempo notificato il decreto di acquisizione da parte del Comune». Una vicenda che va avanti da tempo con Conteddu e i suoi familiari che rivendicando la proprietà di una porzione di terreno a ridosso della provinciale per La Caletta ed hanno intrapreso, una lunga vicenda giudiziaria con ricorsi e vertenze al Tar, Consiglio di Stato e tribunale civile di Nuoro. In attesa che si ponga fine alla vicenda giudiziaria, Conteddu prosegue la sua battaglia personale e ieri mattina si è posizionato in quello che definisce il suo terreno nel tentativo di stoppare i lavori che l’impresa appaltatrice intende completare. L’intervento in forze di polizia municipale, carabinieri e polizia di Stato dopo alcuni momenti molto tesi ha riportato la calma, Conteddu è stato convinto dai militari ad allontanarsi e in tarda mattinata gli operai hanno potuto riprendere i lavori. Sicuramente la vicenda avrà ulteriori strascichi giudiziari perché Conteddu è deciso a dare battaglia legale. Il completamento dei marciapiedi di via Matteotti e via Gramsci è stato intrapreso con un progetto comunale e le opere sono iniziate da tempo in via De Gasperi e nella parte alta di via Matteotti. Lavori che stanno per concludersi ma all’incrocio con via Olbia è sorto il problema con la famiglia Conteddu che rivendica la proprietà di quell’area.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *