«Linee di varo e travel lift ora intervenga la Regione» – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

ARBATAX. Per realizzare tre nuove linee di varo nella banchina di riva del porto (fra quella dell’Intermare Sarda e quella industriale di ponente) e sistemarvi anche tre travel lift, uno da acquistare (2,4 milioni) per il varo e l’alaggio di mastodontiche imbarcazioni da 800 tonnellate, oltre agli altri due (da 200 e 60 tonnellate) che da decenni si trovano nella zona della darsena cantieristica, serve che il tutto venga valutato e quindi previsto nel Piano regolatore portuale. Piano che, è in fase di redazione da parte dell’assessorato regionale ai Lavori pubblici. Senza una modifica dello stesso, per il comandante del porto e dell’Ufficio circondariale marittimo di Arbatax, tenente di vascello Francesco Maria Frasconi, il progetto tanto caro al commissario (da poco meno di tre mesi) del Consorzi industriale provinciale dell’Ogliasatra, Franco Ammendola, non potrà vedere la luce. Anche perché, a tutt’oggi, non si registrano le condizioni per potere dare vere gambe al progetto consortile. «L’area demaniale della banchina di riva – come ricordato dal comandante del porto – in considerazione dei cedimenti strutturali registratisi nel 2014 fa è stata interdetta al transito e alla sosta con qualisiasi tipologia di mezzo». Nonché al transito e alla sosta dei pedoni.

«Ho spiegato il tutto agli operatori – ha detto Franco Ammendola – e a questo punto ritengo che debbano intervenire la Regione e altri enti, come la Provincia di Nuoro e il Comune di Tortolì-Arbatax (questi due ultimi enti sono soci, ognuno al 50 per cento, dello stesso Consorzio industriale provinciale dell’Ogliastra ndr) per fare in modo che il progetto che intendiamo sviluppare nella banchina di riva, possa divenire qualcosa di veramente importante per tutto gli operatori del settore della nautica, dalle costruzioni, al rimessaggio e altro. È un comparto che vede diverse importanti realtà e che può avere importanti margini di crescita». A parere del commissario del Consorzio industriale provinciale dell’Ogliastra, con le tre nuove linee di varo che intende realizzare e il nuovo traverl lift da 800 tonnellate, si potrà fare crescere l’occupazione nell’area industriale di Tortolì-Arbatax.

«Ma ora – prosegue Ammedola – serve un intervento in tempi brevi da parte di varie istituzioni, affinché all’interno del Piano regolatore portuale venga inserito, nella zona della banchina di riva, questo nostro progetto. Occorre evitare che qualche operatore decida di spostare la propria attività».

Si attende una presa di posizione della giunta regionale, della Provincia di Nuoro e del Comune.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *