L’appello da Irgoli del nonnino dell’Anmil: «Continuate a lottare per la sicurezza dei lavoratori» – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

Si commuove ancora Pietrino Flore riandando nella sua memoria centenaria a quel 25 settembre del 1959 quando, impegnato come operaio nella costruzione del ponte sul rio Santa Maria, cadde da un’altezza di sei metri, rimanendo segnato per sempre nel corpo da invalido del lavoro e nello spirito di combattente per i diritti dei più deboli.

E oggi nella sua casa di Irgoli dove ha appena spento le fatidiche cento candeline omaggiato da tutto il paese con sindaco e parroco in prima fila, lancia un messaggio preciso e drammaticamente attuale nel momento in cui si parla di subappalti e gare al massimo ribasso: «Continuate a difendere i diritti dei lavoratori costretti, come me 62 anni fa, a lavorare senza diritti e in mancanza delle più elementari condizioni di sicurezza».

Un messaggio affidato ai dirigenti dell’Associazione Nazionale Invalidi sul Lavoro arrivati a Irgoli per festeggiare il vice nonnino dell’Anmil (il socio più anziano è Antioco Cadeddu) di Macomer, 101 anni compiuti il 30 luglio 2020), rappresentata dal presidente provinciale Michele Tatti, dal consigliere regionale della Sardegna Tonino Sechi e  da Antonio Fancello arrivato dalla direzione generale di Roma per portare il saluto del presidente nazionale Zoello Forni e del direttore Sandro Giovannelli, che hanno voluto rendere visita al nonnino e consegnargli una pergamena : «in ricordo dei suoi primi cent’anni».

Pietrino Flore, lucidissimo e sorretto da una memoria di ferro, non ha mancato di informarsi sulla situazione dell’Associazione, adombrandosi anche davanti all’eventualità che anche quest’anno, a causa della pandemia, probabilmente la Giornata nazionale dell’Anmil sarà celebrata in tono minore.

Il nonnino dell’Anmil di Nuoro che tra l’altro ha sconfitto anche il coronavirus, è nato a Irgoli, provincia di Nuoro, il 25 maggio del 1921.

Vive nella sua casa di via Funtana Manna, con la moglie Peteronilla Luche, 97 anni, sposata 75 anni fa, il 29 dicembre 1946 accudito da tutti i 12 figli, sei maschi e 6 donne, nuore, generi, nipoti e pronipoti. Ancora nel 2019 Pietrino Flore ha preso parte al congresso provinciale dell’Anmil e animato la Giornata provinale per le Vittime sul lavoro, declamando una delle tante poesie in sardo incentrate sui diritti degli invalidi e la sicurezza nei posti di lavoro. 

 

L’articolo L’appello da Irgoli del nonnino dell’Anmil: «Continuate a lottare per la sicurezza dei lavoratori» proviene da ogliastra.vistanet.it.

Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *