La Figc regionale a Bitti per l’assemblea di esordio – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

BITTI. La solidarietà, la vicinanza e anche gli aiuti economici da parte di associazioni e cittadini non sono certo mancati nei tre mesi trascorsi dall’alluvione del 28 novembre, che ha causato tre vittime e danni materiali ingenti in tutto il paese di Bitti. Ieri è stato di nuovo lo sport a fare la sua parte in questa gara di supporto alla comunità barbaricina con la prima riunione ufficiale del nuovo comitato regionale della Federazione italiana giuoco calcio (Figc), che si è svolta negli spazi della sede del Parco di Tepilora e coordinata dal presidente Gianni Cadoni. Una scelta non casuale, quella di convocare il primo incontro ufficiale a Bitti, un segnale tangibile della vicinanza del mondo dello sport, e del calcio, alla comunità.

Al tavolo anche i delegati provinciali, i presidenti delle componenti dell’Associazione italiana arbitri, del settore giovanile e scolastico Figc, il delegato regionale di Calcio a 5 e il presidente dell’Associazione italiana allenatori calcio. A fare gli onori di casa, nel pieno rispetto delle norme anticovid, il sindaco di Bitti, Giuseppe Ciccolini, e il presidente della Polisportiva Bittese, Giorgio Carzedda.

All’appuntamento istituzionale è poi seguita una visita negli impianti sportivi del paese che a causa dell’alluvione, soprattutto il campo da calcio, hanno registrato diversi danni.

«Lo sport è uno strumento indispensabile per la crescita sociale delle nostre comunità dove a volte diventa l’unico luogo d’incontro extra scolastico per i nostri ragazzi. Ed è proprio attraverso lo sport, e nello specifico il calcio, che ci si può rialzare da tragedie così devastanti come quella che ha colpito Bitti tre mesi fa». Così il sindaco Ciccolini che ha aggiunto: «Ringrazio per questo la Figc della Sardegna per l’attenzione e per la sensibilità dimostrata. Oggi, anche grazie a loro, abbiamo fatto un altro passo avanti sulla via della ripresa».

«Bitti vanta una lunga tradizione calcistica dove hanno militato e dove sono cresciuti tanti giovani atleti». Lo ha detto il presidente della Polisportiva Carzedda nel ringraziare la folta delegazione che ieri ha partecipato all’incontro. «La nostra squadra gioca in Promozione e fino a non molti anni fa ha avuto la fortuna di avere calciatori provenienti esclusivamente dalle categorie giovanili della Bittese. Oggi le cose sono cambiate e alle restrizioni seguite alla pandemia si sono aggiunte quelle dell’alluvione. L’augurio – ha concluso Carzedda – è che l’attenzione verso il calcio e lo sport del nostro paese siano sostenuti per assicurare una via di riscatto per tutti i nostri giovani».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *