La cooperativa Ghivine gestirà i siti archeologici – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

DORGALI. Sarà la cooperativa Ghivine a gestire i siti del progetto “Museo civico e siti archeologici”. Si tratta dello stesso gruppo di giovani che già gestiva l’intero pacchetto di siti del Comune di Dorgali. «Il progetto “Museo civico e siti archeologici” – spiega la sindaca Itria Fancello – prevede la gestione, il controllo, la valorizzazione e la manutenzione dei villaggi nuragici di Tiscali, Serra Orrios, Nuraghe Mannu e del museo archeologico, ed è finanziato dalla Regione fino al 31 dicembre 2022. Tra gli obiettivi da perseguire: continuo controllo dei monumenti per impedire che siano oggetto di atti vandalici; manutenzione e pulizia dei siti; valorizzazione dei monumenti, per consentire una visita controllata e porre in essere tutte le attività per renderli fruibili; fare proposte turistiche della località, offrendo al visitatore, oltre al mare e alle bellezze naturalistiche del territorio, anche le testimonianze storiche del passato. Alla gara – ha aggiunto la sindaca – ha partecipato dolo la cooperativa Ghivine, che si è aggiudicata l’appalto. Riguardo ai lavori che sono in programma nella dolina di Tiscali di Dorgali, non abbiamo ancora una data certa di inizio». La cooperativa Ghivine era stata fondata nel 1991 dagli amici del Gruppo ricerche ambientali di Dorgali legati dall’amore e dalla forte passione per la propria terra. «Sono questi elementi terminanti che ci hanno spinto nella direzione di valorizzarne soprattutto l’aspetto storico, culturale e ambientale del territorio – sottolineato in una nota i soci della cooperativa –. Il recupero e la gestione di importanti aree archeologiche, la promozione di escursioni naturalistiche sono il nostro punto di forza. Grazie all’affiatamento e all’entusiasmo per il nostro lavoro, in questi quindici anni di attività, migliaia di visitatori provenienti da diverse nazioni del mondo, hanno potuto scoprire molti segreti di questo straordinario territorio. Nei vari siti archeologici da noi gestiti si possono effettuare visite guidate da operatori specializzati nel settore, durante tutto l’anno».

Il museo archeologico di Dorgali inaugurato nel 1980, è dal 1987 situato in via Lamarmora, nell’edificio della scuola elementare. I reperti esposti raccontano la storia archeologica del territorio dal Neolitico fino all’età moderna. Un contributo notevole è pervenuto dalla speleologia, ma anche dalle raccolte di superficie e dalle collezioni private che hanno permesso una lettura archeologica globale. Il museo vede la sua esposizione organizzata in tre piccole sale secondo un ordine cronologico con reperti provenienti dai siti facilmente raggiungibili coem la grotta del Bue Marino, il villaggio di Serra Orrios, la tomba di giganti di S’Ena ‘e Thomes, il villaggio di Nuraghe Mannu e la grotta di Ispinigoli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *