Green pass: in caso di passaporto falso o irregolare gli esercenti potranno chiedere i documenti – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

È stata adottata dal Viminale la circolare a firma del capo di gabinetto, prefetto Bruno Frattasi, che fornisce ai prefetti le indicazioni in materia di verifica delle certificazioni verdi da Covid 19.

Nel testo viene evidenziato come il ricorso alle certificazioni verdi rappresenti uno strumento di salvaguardia e di tutela della salute pubblica anche per scongiurare il ripristino di misure restrittive a fini del contenimento del contagio.

Viene richiamata, altresì, la massima attenzione sull’attività di verifica e controllo circa l’impiego effettivo di detta certificazione facendone oggetto di apposita programmazione in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e nelle discendenti pianificazioni di carattere operativo a cura dei questori.

Nel documento viene poi data autorizzazione ai singoli esercenti di chiedere il documento di identità qualora a un primo controllo dall’app dovessero essere riscontrate delle incongruenze.

L’articolo Green pass: in caso di passaporto falso o irregolare gli esercenti potranno chiedere i documenti proviene da ogliastra.vistanet.it.

Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *