Ex Artiglieria vertice tra gli enti – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. Le convocazioni ufficiali sono già partite e sono la prova che il percorso che conduce all’inizio ai lavori è davvero agli sgoccioli. Tra poco più di una settimana, infatti, via internet, attraverso la piattaforma Google Meet, si riuniranno il Comune, la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici, UniNuoro e il comando dei vigili del fuoco. La conferenza di servizi è stata convocata dal Comune con un obiettivo preciso: esaminare il progetto definitivo del primo stralcio dei lavori per trasformare l’ex Artiglieria di viale Sardegna in un campus universitario.

«Ci riuniamo perché è necessario coordinarsi sul percorso da seguire in questo primo stralcio di lavori – spiega il vicesindaco di Nuoro e assessore comunale ai Lavori pubblici, Fabrizio Beccu – stiamo cercando da tempo di dare una accelerata a tutto il percorso perché abbiamo anche diverse scadenze. E una è quella della fine di quest’anno: entro la fine del 2021 dobbiamo firmare i contratti per i lavori, ma stiamo provando a fare di tutto per anticipare di qualche mese le firme in modo da poter avviare l’opera ancora prima del 1 gennaio del prossimo anno. Si tratta di un’opera molto importante, del resto, per tutta la città».

Nei giorni scorsi, la società che ha avuto l’incarico per stendere il progetto, ovvero la Politecnica Ingegneria ed Architettura ha depositato in Comune a Nuoro tutti gli elaborati relativi al progetto definitivo del primo stralcio funzionale dei lavori “di restauro, ristrutturazione e rifunzionalizzazione dei locali da destinare a sede del campus universitario nell’area dell’ex Artiglieria – ex Caserma Loy- in viale Sardegna”. Un lungo elenco di relazioni, planimetrie, prospetti, piante e disciplinare, sui quali, tra una settimana circa, dovranno esprimere il loro parere i soggetti, enti o istituzioni, convocati dal Comune per la conferenza di servizi: l’UniNuoro, i vigili del fuoco, la Soprintendenza ai beni culturali. Ognuno, ovviamente, per la parte di sua competenza. Il 26 maggio, dunque, alle 10, via internet, tutti si siederanno davanti al tavolo sul quale, idealmente ma non solo, è steso il progetto per trasformare l’ex Artiglieria. Il Comune sta cercando di portare a termine il percorso il prima possibile: c’è una scadenza, a fine anno, che si avvicina inesorabile e che l’amministrazione non può permettersi di far passare.

Entro il 31 dicembre 2021, infatti, come ricorda lo stesso Comune nel convocare la conferenza, «le obbligazioni giuridicamente vincolanti, per l’affidamento dei lavori in oggetto, dovranno essere assunte entro il 31 dicembre 2021, pena la perdita dei finanziamenti». All’interno di questo percorso, convocare la conferenza di servizi è una tappa fondamentale perché sono tanti gli enti e i soggetti coinvolti che devono esprimere pareri, nulla osta o diversi altri atti di assenso.

Nel caso del progetto di trasformazione dell’ex «Artiglieria di viale Sardegna, poi, la conferenza di servizi «è dettata anche dalla necessità di accelerare i tempi per l’acquisizione di tutti gli atti, autorizzativi e di assenso, eventuali indicazioni, prescrizioni e direttive operative da parte dei soggetti convocati, e poter così sottoporre all’attenzione della giunta comunale il progetto definitivo per la sua approvazione». Per queste ragioni, come precisa il Comune, «in relazione alla complessità della determinazione da assumere, alle imminenti scadenze entro le quali dovranno essere assunte le obbligazioni giuridicamente vincolanti, si ritiene indispensabile procedere con la modalità simultanea e in modalità sincrona».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *