Emergenza giovani in città «Apriamo il confronto» – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. «Parlare di giovani con i giovani»: è questo l’obbiettivo principale che si pone il presidente del consiglio comunale Sebastian Cocco, pronto ad aprire il dibattito sul tema dopo i recenti fatti di Istiritta e prima ancora di Seuna. «Finalmente il consiglio comunale sarà convocato per discutere degli episodi di violenza in città e dello stato di degrado di molti quartieri, a cominciare da quelli del centro storico» esulta Pierluigi Saiu, dai banchi dell’opposizione in consiglio comunale. «La decisione – dice – è stata presa all’unanimità dalla conferenza dei capigruppo di sabato scorso che ha accolto le richieste formulate da tutte le componenti di opposizione in consiglio comunale».

«L’esigenza di convocare un consiglio comunale apposito per creare un luogo di discussione – sottolinea Cocco – è emersa da più consiglieri comunali in queste ultime settimane. Ho raccolto queste esigenze e proposto alla conferenza dei capigruppo di tenere una seduta comunale aperta, con le stesse modalità con le quali ho convocato il consiglio sulla sanità. Ora c’è l’accordo di tutti» dice, anche se resta da decidere dove farlo, o al teatro Eliseo o ai Giardinetti, se fosse una bella giornata. «I ragazzi vanno coinvolti, questo è fondamentale – ribadisce Sebastian Cocco –. Mi prodigherò affinché la discussione non resti al nostro interno». «Nella seduta del primo febbraio scorso chiesi la convocazione di un consiglio dedicato alla discussione del tema nella formula dell’adunanza aperta – va avanti Saiu –. Finalmente, dopo oltre un mese, si è deciso di dare seguito a quella richiesta». «A gennaio l’aggressione ai danni di un cittadino residente a Seuna. Sabato 6 marzo le immagini della rissa avvenuta a Istiritta che hanno fatto il giro d’Italia. Episodi gravi rispetto ai quali l’amministrazione comunale non può rimanere a guardare. È da mesi che i residenti del quartiere lamentano di non essere ascoltati. Quella del consiglio comunale aperto sarà l’occasione per capire se sono state fatte segnalazioni al Comune e che tipo di riscontro abbiano avuto. Che azioni sono state messe in campo dal sindaco per garantire non solo la quiete e la sicurezza del quartiere ma anche il rispetto delle disposizioni anti Covid. Sarà l’occasione per un confronto sulla condizione dei nostri giovani in città e mi auguro che avremo l’opportunità di ascoltare la loro voce – chiude Saiu –. Le periferie sono abbandonate, così come i quartieri del centro storico, che sono diventati terra di nessuno. Spesso sporchi, con i muri imbrattati e le case che crollano. C’è un problema di degrado sociale e c’è un problema di sicurezza dei cittadini che prima non c’era e che adesso viene percepito con preoccupazione». (l.p.)

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *