“Declassamento” del S. Francesco la Assl ora corregge il tiro

  • di

NUORO. Marcia indietro dell’Assl di Nuoro dopo le fortissime proteste del segretario della Cisl Funzione pubblica di Nuoro Giorgio Mustaro, per la clamorosa collocazione nella fascia B degli incentivi al personale sanitario in prima linea nell’impegno contro il Covid. La direzione Assl ha fatto sapere di aver disposto una verifica e di aver inoltrato all’Ats la richiesta di modifiche necessarie. Tradotto in altri termini, nel piano per la remunerazione del personale, divide i sanitari in tre fasce: A, B e C. Clamorosamente, nella fascia B c’è finito anche il reparto Rianimazione del San Francesco; altrettanto inspiegabilmente, chi ha lavorato in Radiologia è stato del tutto escluso agli incentivi nonostante proprio le radiografie al torace per l’accertamento diagnostico dei pazienti Covid siano state fatte in quel reparto. Gli incentivi costituiscono una compensazione del disagio e del rischio biologico patito dai lavoratori da marzo a maggio; adesso, dopo il declassamento, arriva la correzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *