Covid, nell’ultima settimana in Sardegna «situazione in peggioramento»

  • di

I dati arrivano dall’ultimo monitoraggio della Fondazione Gimbe: nell’ultima settimana, dal 9 al 15 dicembre, la situazione Covid in Sardegna è in peggioramento. Questo sia per quanto riguarda i casi attualmente positivi per 100mila abitanti, 938 (+7,9%) che per i casi testati per 100mila abitanti, 1.155 (+10,3%). I posti letto in terapia intensiva occupati da pazienti Covid, invece, restano sopra la soglia del 30% (32%).

Come riporta Ansa, a livello nazionale, il monitoraggio conferma un lieve rallentamento nella crescita dei nuovi casi, sovrastimato da un ulteriore calo dei tamponi. Cala la pressione sugli ospedali, ma area medica e terapie intensive rimangono sopra soglia di saturazione rispettivamente in 10 e 14 regioni. E continua a salire il numero dei decessi, anche in Sardegna.

“Sicuramente le misure restrittive introdotte dall’ultimo Dpcm hanno frenato la diffusione del contagio – dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe – ma la lenta e irregolare discesa della curva, unita ad un rapporto positivi/casi testati stabile da tre settimane, suggeriscono che le misure di mitigazione abbiano ormai dato il massimo risultato e ora, con le progressive riaperture, verosimilmente la curva prima rallenterà la sua discesa per poi tornare inesorabilmente a salire”.

L’articolo Covid, nell’ultima settimana in Sardegna «situazione in peggioramento» proviene da ogliastra.vistanet.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *