Bosa, impennata di contagi i positivi al Covid sono 49 – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

BOSA. L’esito dei tamponi molecolari eseguiti nelle scorse ore consolida il dato di contagi in costante aumento nella città del Temo. Sfiora quota cinquanta, a fronte di poco più di 7.900 abitanti censiti, il numero delle persone risultate positive al Covid-19, con prevalenza di giovani, l’ulteriore elemento sottolineato dal sindaco Piero Franco Casula nel report pubblicato il 2 gennaio. La piattaforma regionale di informazione è in costante aggiornamento e in appena ventiquattro ore, come da previsioni dello stesso primo cittadino nei giorni precedenti, il numero dei contagiati si incrementa di più della metà rispetto alla cifra fornita appena il giorno precedente. Per la precisione sono quarantanove le persone risultate positive nel borgo sulle sponde del Temo.

In un solo caso, fortunatamente, si è dovuto procedere con un ricovero ospedaliero. «Sono interessate tutte le fasce di età, ma si evidenzia un aumento tra quelle dei più giovani» la lettura dei dati in possesso dell’ente locale sulla base delle informazioni a disposizione. Dei quarantanove positivi fino ad ora censiti: tredici rientrano nella fascia d’età fino a vent’anni; sedici in quella dai ventuno ai quaranta; quindici contagiati in quella fra i quarantuno ed i sessant’anni. Infine cinque nella fascia oltre i sessantuno anni d’età. Nessuna informazione invece viene fornita circa l’incidenza dei contagi fra quanti si sono o meno vaccinati nei mesi e nelle settimane scorse, considerato che a dicembre, tra il 4 ed il 29 del mese, a Bosa si sono tenute tre sessioni di inoculazione.

Con il crescere dei contagi nella città del Temo, come negli altri centri della Planargia (a Tresnuraghes su una popolazione di poco più di 1.200 residenti sono stati individuati ben 19 casi di Covid), l’appello è ancora una volta rivolto alla massima prudenza. «Ricordiamo che i comportamenti da assumere da parte dei cittadini sono richiamati negli ultimi Decreti di fine anno, dove sono riportate tutte le casistiche riferibili ai contatti diretti e indiretti sia per i vaccinati con 2 o 3 dosi, sia per i non vaccinati, compreso l’uso delle mascherine» sottolinea il sindaco di Bosa. Nei prossimi giorni sono in programma, per quanti saranno contattati dalla Assl, ricorda la nota pubblicata anche ieri, una serie di ulteriori verifiche in Planargia, con l’esecuzione di tamponi molecolari. Le previsioni ancora una volta non appaiono proprio rosee rispetto al possibile numero di potenziali esiti. «Sicuramente vedremo incrementare ulteriormente il numero dei positivi» afferma infatti il sindaco Piero Franco Casula.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.