Beat for Bitti: sostegno in musica – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

BITTI. La solidarietà ha un sound gradevole ed accattivante. E nel caso della campagna di solidarietà Beat for Bitti, fa bene allo spirito e alle tasche dei bittesi, entrambi messe a dura prova dall’alluvione che a novembre ha devastato il paese. Tra le tante raccolte fondi riunite nel grande calderone di “Tutti con Bitti”, lanciato dall’amministrazione comunale all’indomani dell’evento tragico, si segnala per entusiasmo e altruismo l’iniziativa “Beat for Bitti”, organizzata dalla cooperativa sociale “Piccoli Passi” e dal “Il Baretto” di Porto Ferro.

Una mobilitazione forte a suon di musica per sostenere la comunità colpita dall’alluvione del 28 novembre scorso. Una sorta di “paradura” organizzata per aiutare la comunità bittese che ora è in difficoltà e ha bisogno della mobilitazione di tutti.

Nei giorni scorsi Danilo Cappai e Marco Alessandrini, fra i promotori dell’iniziativa solidale, hanno portato qualche giorno fa a Bitti alcune decine di cd realizzati grazie ad uno straordinario impegno di diversi artisti per sostenere lo sforzo delle popolazioni del paese barbaricino in questo momento particolarmente difficile.

Una solidarietà che vale doppio, quella degli artisti in questo periodo anche loro in grosse difficoltà a causa della pandemia, che di fatto da un anno ha letteralmente congelato ogni attività dello spettacolo.

Danilo Cappai e Marco Alessandrini che hanno portato con loro diverse decine di copie del cd realizzato a scopi benefici, sono stati accolti in Comune a Bitti dagli assessori della Cultura e dell’Ambiente, Ivana Bandinu e Christian Farina.

Il lavoro con quattro brani inediti su un totale di 19 canzoni, spazia e abbraccia diversi generi musicali. I brani sono interpretati gratuitamente da tanti artisti sardi in tre lingue: sarda, inglese e italiana.

Ad arricchire la straordinaria compilation, il contributo di quattro bittesi: le sorelle Mariangela e Piera Demurtas, nel canto, Giovanni Juanne Villa con una poesia, e con Pretu Jorgi Olleddovi (Pg Bandinu) con le foto che accompagnano i materiali del cd. Finora sono state registrate mille copie di cui oltre seicento già distribuite in diverse aree della Sardegna.

Sono numerosi i Comuni (quello di Nulvi ne ha già prenotato cento copie), le associazioni e i gruppi di persone che in questi giorni stanno richiedendo la raccolta musicale per l’acquisto attraverso il sito internet www.piccolipassicoop.it.

A Bitti, al costo di 13 euro, si possono comprare nel bar di Pigotzi, nel negozio il Calamaio di Pascaleddu Burrai e nel tabacchino di Antonello Corda.

Gli assessori hanno ringraziato a nome di tutta l’amministrazione e dei bittesi gli amici della cooperativa sociale, del Baretto di Porto Ferro e i tanti artisti che hanno deciso di partecipare alle registrazioni.

Momenti emozionanti e formativi che rafforzano i legami tra tante comunità dell’isola e tanti artisti sardi che vivono e operano anche all’estero, particolarmente presenti quando si tratta di dare una mano e di contribuire con la loro arte alla ricostruzione di un centro che in questi mesi ha iniziato probabilmente da subito a vedere la luce anche grazie alle splendide manifestazioni di solidarietà giunte dalle più diverse latitudini.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *