Accusato di omicidio e tentato omicidio: Fois va ai domiciliari

  • di

VILLAGRANDE STRISAILI. Arresti domiciliari per Fabbio Fois il 56 enne di Loceri finito nel carcere nuorese di Badu ’e Carros con la duplice accusa di omicidio e tentato omicidio. Il tribunale del riesame di Cagliari, ieri mattina, ha accolto la richiesta dell’avvocato Marcello Caddori, difensore dell’operaio, e concesso misure cautelari più blande. Fois, residente a Girasole, è accusato di aver teso l’agguato costato la vita a Fabio Longoni e di aver ferito Daniele Conigiu, entrambi allevatori di Villagrande, il 22 novembre del 2017 nelle campagne di Santa Lucia nel territorio comunale villagrandese.

Fois era stato arrestato poco meno di un mese fa sulla base di un provvedimento del gip di Lanusei, Francesco Alterio, richiesto dal capo della Procura ogliastrina Biagio Mazzeo. Fois, secondo la ricostruzione dell’accusa, si sarebbe vendicato nei confronti di Conigiu e Longoni responsabili di avergli rubato i suoi asinelli l’anno prima. Tra i moventi ci sarebbe anche un licenziamento subito dall’uomo, dipendente della ditta di pompe funebri della sorella di Daniele Conigiu: dopo una discussione con la proprietaria fu messo alla porta e il suo posto era stato preso da Fabio Longoni. Ad incastrare il 56enne, con precedenti penali, è stata una intercettazione ambientale del luglio 2018. Conversando con una persona all’interno della sua auto avrebbe raccontato alcuni particolari – registrati dalle cimici – dei momenti successivi all’agguato. E quella che gli investigatori considerano un’ammissione lo ha portato, assieme ad altri indizi, in carcere. (giusy ferreli)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *