A Siniscola ancora disagi per le piogge incessanti – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

SINISCOLA. Piove sul bagnato non è solo un modo di dire, ma quello che è successo ieri nel circondario di Siniscola con un nubifragio che dalle otto del mattino ha investito la cittadina rendendo difficoltoso il traffico e il regolare ingresso a scuola degli studenti nelle varie scuole cittadine. Allagamenti di seminterrati e disagi nelle campagne sono stati segnalati in varie zone del territorio con chiamate di aiuto a vigili del fuoco e protezione civile. La speranza di tutti è di non dover aggiungere ulteriori danni al lungo elenco che l’ufficio tecnico del Comune sta ultimando per allegarlo allo stato di calamità naturale. Il documento deliberato dalla giunta comunale sarà a breve inviato in Regione per la richiesta di contributi e risarcimenti.

«Questa pioggia davvero non ci voleva – commenta il sindaco Gianluigi Farris –. Il temporale che ha nuovamente colpito Siniscola va ad aggravare una già difficile situazione soprattutto nel mondo delle campagne. Il nubifragio che martedì scorso si è abbattuto su nostro territorio ha scavato profondi solchi nelle strade di penetrazione agraria rendendo quasi impossibile il transito verso alcune aziende agricole, anche alcuni ponticelli, sono stati irrimediabilmente distrutti e ci sono degli allevatori che possono accudire il bestiame solo utilizzando il trattore per spostarsi. I tecnici del comune hanno stilato un lungo elenco di danni al patrimonio pubblico e privato, stiamo completando l’elenco da trasmettere alla Regione».

A causa del nuovo pesante evento piovoso di ieri, disagi oltre che nell’intera cittadina, si sono registrati alla Caletta nel rione Esso con allagamenti nei piani bassi delle case e rallentamento del traffico. Disagi più lievi invece per fortuna al centro della borgata dove una decina di anni orsono è stato realizzato un sistema di canalizzazione delle acque piovane verso il canale Vivarelli.

«Stiamo lavorando per mettere in sicurezza anche la parte periferica della frazione – spiega il sindaco –a disposizione per il momento abbiamo una somma che non è sufficiente a canalizzare tutte le acque piovane che arrivano da Montelongu e che creano grossi disagi” nei prossimi giorni – conclude il primo cittadino – sarò a Cagliari per parlare con i tecnici dell’assessorato ai lavori pubblici e cercare ottenere un finanziamento idoneo a realizzare dei canali di scolo che consentano di far defluire la pioggia verso il mare». Inutile ribadire lo stato di apprensione con cui la popolazione sta seguendo l’evoluzione del maltempo per timore di nuovi danni.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.