A giudizio per detenzione di armi Assolto allevatore di Orotelli – Pescheria di via Tirso – Tortolì

  • di

NUORO. Accusato di detenzione illegale di un fucile, un 28enne di Orotelli, Francesco Cadoni, difeso dall’avvocato Nazarena Tilocca, è stato assolto dal giudice monocratico Alessandra Ponti perché il fatto non sussiste. Questo processo era uno stralcio di un altro procedimento, che aveva visto l’imputato, insieme ad altri due complici, protagonisti dell’aggressione e della rapina di un pensionato avvenuta a Bortigali nel 2016, e per la quale avevano patteggiato. I tre avevano fatto irruzione nella casa di un 72enne e dopo averlo legato e imbavagliato lo avevano colpito alla testa con il calcio della pistola. Preso il denaro che cercavano, erano scappati lasciado l’uomo ferito e immobilizzato. Nel corso di quelle indagini gli inquirenti avevano trovato all’interno dei telefonini degli indagati diverse foto di armi. Ma durante il dibattimento è emerso che le foto di armi estrapolate dai cellulari non appartenevano a Francesco Cadoni. «L’unica arma di sua proprietà – ha detto il difensore – era una carabina ad aria compressa, sequestrata e poi restituita perché legalmente detenuta».

– Guarda le Offerte della Pescheria di via Tirso – Tortolì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *